menu
Invalidità Civile
 

I disabili muniti del contrassegno per invalidi possono circolare e sostare: nelle zone a traffico limitato e nelle aree pedonali urbane

I disabili muniti del contrassegno per invalidi possono circolare e sostare: nelle zone a traffico limitato e nelle aree pedonali urbane"Ai possessori del contrassegno speciale per disabili è permessa la circolazione e la sosta nelle "zone a traffico limitato" e nelle "aree pedonali urbane" qualora è autorizzato l'accesso anche ad una sola categoria di veicoli per l'espletamento di servizi di trasporto di pubblica utilità". 
Questo risulta essere il principio di diritto della sentenza di Cassazione n. 21320/2017.
La Suprema Corte basa il fondamento della propria decisione nella norma contenuta nell'art. 11 del D.P.R. n. 503 del 1996,
L'art. 11 del D.P.R. n. 503/1996, stabilisce che:
Circolazione e sosta dei veicoli al servizio di persone disabili
1.  Alle persone detentrici del contrassegno di cui all'art. 12 viene consentita, dalle autorità competenti, la circolazione e la sosta del veicolo al loro specifico servizio, purché ciò non costituisca grave intralcio al traffico, nel caso di sospensione o limitazione della circolazione per motivi di sicurezza pubblica, di pubblico interesse o per esigenze di carattere militare, ovvero quando siano stati stabiliti obblighi o divieti di carattere permanente o temporaneo, oppure quando sia stata vietata o limitata la sosta.
2. Le facilitazioni possono essere subordinate alla osservanza di eventuali motivate condizioni e cautele.
3. La circolazione e la sosta sono consentite nelle «zone a traffico limitato» e «nelle aree pedonali urbane», così come definite dal decreto legislativo 30 aprile 1992, n. 285, qualora è autorizzato l'accesso anche ad una sola categoria di veicoli per 1'espletamento di servizi di trasporto di pubblica utilità.
4. Per i percorsi preferenziali o le corsie preferenziali riservati oltre che ai mezzi di trasporto pubblico collettivo anche ai taxi, la circolazione deve intendersi consentita anche ai veicoli al servizio di persone invalide detentrici dello speciale contrassegno di cui all'art. 12.
5. Nell'ambito dei parcheggi o delle attrezzature per la sosta, muniti di dispositivi di controllo della durata della sosta ovvero con custodia dei veicoli, devono essere riservati gratuitamente ai detentori del contrassegno almeno 1 posto ogni 50 o frazione di 50 posti disponibili.

6. I suddetti posti sono contrassegnati con il segnale di cui alla figura II 79/a art. 120 del decreto del Presidente della Reppubblica 16 dicembre 1992, n. 495.
Pertanto, nel momento in cui è concesso l'accesso ai veicoli adibiti al trasporto pubblico, il soggetto disabile provvisto del relativo contrassegno speciale è legittimato a norma di legge (art. 11 del D.P.R. n. 503/1996) a circolare liberamente nelle zone a traffico limitato (ztl).
Cassazione: sentenza n.21320/2017