menu
Invalidità Civile
 

I figli non conviventi possono richiedere il congedo straordinario per assistere i genitori con handicap grave

I figli non conviventi possono richiedere il congedo straordinario per assistere i genitori con handicap graveI figli non conviventi possono richiedere il congedo straordinario per assistere i genitori con handicap grave ex art. 3, comma 3°, L. 104/1992.
Il superiore principio di diritto è stato statuito dalla sentenza della Corte Costituzionale n. 232/2018.
La Consulta ha dichiarato l'illegitimmità costituzionale dell’art. 42, comma 5, del decreto legislativo 26 marzo 2001, n. 151 (Testo unico delle disposizioni legislative in materia di tutela e sostegno della maternità e della paternità, a norma dell’articolo 15 della legge 8 marzo 2000, n. 53), nella parte in cui non include nel novero dei soggetti legittimati a fruire del congedo ivi previsto, e alle condizioni stabilite dalla legge, il figlio che, al momento della presentazione della richiesta del congedo, ancora non conviva con il genitore in situazione di disabilità grave, ma che tale convivenza successivamente instauri, in caso di mancanza, decesso o in presenza di patologie invalidanti del coniuge convivente, del padre e della madre, anche adottivi, dei figli conviventi, dei fratelli e delle sorelle conviventi, dei parenti o affini entro il terzo grado conviventi, legittimati a richiedere il beneficio in via prioritaria secondo l’ordine determinato dalla legge.
La Consulta, per l'appunto, afferma che:  "le necessità che conducono i figli ad allontanarsi dal nucleo familiare di origine non possono «costituire ostacolo alla concreta attuazione dell’inderogabile principio solidaristico di cui all’art. 2 Cost.», giacché è proprio l’assenza di convivenza a imporre al figlio «di richiedere il congedo straordinario, non avendo altro modo di prestare assistenza continuativa al genitore disabile che si trovi nella situazione di non avere nessun altro famigliare in grado di fornire adeguato sostegno»".

Corte Costituzionale sentenza n. 238/2018