menu
Invalidità Civile
 

Cassazione: Ordinanza n.14187/2017. I permessi si computano ai fini della maturazione delle ferie

06/07/2017

Legge 104/92: i permessi, di cui all'art.33, comma 3°, si computano ai fini della maturazione delle ferie.
Di conseguenza il lavoratore beneficiario dei permessi per assistenza ad un proprio familiare, che si trova nella condizione di portatore di handicap in situazione di gravità, l.104/92, matura le proprie ferie anche utilizzando la concessione dei predetti permessi mensili retribuiti.
Il diritto alle ferie è costituzionalmente garantito dall'art. 36, ultimo comma della ns. Costituzione: "Il lavoratore ha diritto al riposo settimanale e a ferie annuali retribuite, e non può rinunziarvi"
Il ristoro, nel caso del lavoratore beneficiario dei permessi, a maggior ragione, si ritiene indispensabile e necessario a chi assiste un disabile poichè ciò si traduce in un forte dispendio di energie psico-fisiche.
Anche la Convenzione ONU in materia di disabilità prevede: "il sostegno e la protezione da parte della società e degli Stati non solo per i disabili, ma anche per le loro famiglie, ritenute strumento indispensabile per contribuire al pieno ed uguale godimento dei diritti delle persone con disabilità (v. in particolare il punto x del preambolo e l'art. 19, punto b, art. 23, comma 3, art. 28, comma 1 e comma 2, lett. c)". 
Identiche argomentazioni sono adottate dalla Cassazione che con Ordinanza n. 14187/2017, stabilisce che ai fini della maturazione delle ferie si computano anche i permessi di cui alla l.104/92, all'art.33, comma 3°.
Inoltre, come sostiene la Corte, "per ragioni di coerenza con la funzione dei permessi e con i principi indicati impongono quindi l'interpretazione della disposizione maggiormente idonea ad evitare che l'incidenza sull'ammontare della retribuzione possa fungere da aggravio della situazione economica dei congiunti del portatore di handicap e disincentivare l'utilizzazione del permesso stesso (soluzione che trova conforto nel parere n. 3389 del 9/11/2005 del Consiglio di Stato, richiamato dalla Corte d'appello)"
Cassazione: Ordinanza n. 14197/2017
http://www.italgiure.giustizia.it/xway/application/nif/clean/hc.dll?verbo=attach&db=snciv&id=./20170607/snciv@sL0@a2017@n14187@tO.clean.pdf