menu
Invalidità Civile
 

Riaprono le ASL per le visite di accertamento ed aggravamento dell’invalidità civile.

06/06/2020

Riaprono le ASL per le visite di accertamento ed aggravamento dell’invalidità civile.Riaprono le ASL per le visite di accertamento ed aggravamento dell’invalidità civile. 

L'INPS con messaggio n.2330 del 05.06.2020 rende noto che:
"a seguito del progressivo e graduale superamento della prima fase emergenziale legata alla crisi epidemiologica da Covid-19 si comunica che, a decorrere dalla data di pubblicazione del presente messaggio, saranno riaperti i canali di comunicazione legati agli accertamenti medico-legali delle ASL (primi accertamenti e aggravamenti) per il riconoscimento degli stati di invalidità civile, cecità civile, sordità, handicap, legge n. 68/99.
 Le ASL possono dunque riprendere l’attività di calendarizzazione delle visite nel sistema VOA, secondo le consuete modalità. I soggetti chiamati a visita riceveranno una lettera di convocazione e gli sms di remind dell’appuntamento.
Si precisa che la riapertura della procedura comporta l’invio delle convocazioni per tutte le visite programmate dopo la riapertura, indipendentemente dal momento in cui siano state effettivamente calendarizzate. Qualora le ASL non intendano dare seguito a tali visite, sarà quindi loro cura procedere autonomamente alla disdetta manuale delle convocazioni.
Per tutte le visite che le ASL programmeranno dal momento della riapertura, il sistema procederà a inviare le relative comunicazioni ai cittadini secondo le regole consuete.
Si precisa infine che, contestualmente alla riapertura della calendarizzazione in procedura VOA, sarà riattivata anche la calendarizzazione massiva programmata  dall’Istituto sui calendari messi a disposizione dalle ASL. Resta a carico delle ASL l’eventuale disabilitazione o abilitazione dell’attività di questa operazione massiva sui calendari predisposti, secondo quanto indicato nel manuale operativo disponibile in procedura ovvero nella funzionalità della procedura “Commissioni” > “Gestione”.


INPS, messaggio n.2330 del 05.06.2020