menu
Invalidità Civile
 

Indennità di accompagnamento: procedura semplificata per i cittadini non più in età lavorativa (ultrasessantacinquenni)

03/12/2018

Indennità di accompagnamento: procedura semplifica per i cittadini non più in età lavorativa (ultrasessantacinquenni)L'INPS, come già anticipato nella precedente notizia riportata nel sito, link: https://www.invaliditacivile.com/notizie/indennita-di-accompagnamento-accesso-semplificato-per-soggetti-ultrasessantacinquenni, con il messaggio n. 4463/2018 darà impulso, con decorrenza dal 1° Gennaio 2019, al procedimento di semplificazione delle modalità di accesso alla prestazione assistenziale dell’indennità di accompagnamento per i cittadini non più in età lavorativa (ultrasessantacinquenni).
Il potenziale beneficiario al momento della presentazione dell'istanza di invalidità civile potrà inserire i dati di natura socio-economica contenuti nel modello AP70.
"Si tratta, in particolare, della comunicazione di eventuali ricoveri, della delega alla riscossione di un terzo (Quadro G) o in favore delle associazioni (Quadro H) e dell’indicazione delle modalità di pagamento (Quadri F1 o F2)".
Di conseguenza, laddove l'accertamento del requisito sanitario dia esito favorevole, il pagamento della relativa prestazione economica avverrà celermente.
"Terminata con esito positivo la fase sperimentale, a partire dal 1° gennaio 2019 tale modalità di presentazione della domanda di invalidità civile diventerà obbligatoria per tutti i soggetti non più in età lavorativa.
Si precisa che la semplificazione riguarderà anche le domande di accertamento sanitario presentate da coloro che hanno perfezionato il requisito anagrafico secondo i requisiti previgenti (ad esempio, 66 anni e 7 mesi compiuti tra il 1° gennaio 2017 e il 31 dicembre 2018)".


INPS: messaggio n. 4663/2018